SARAZZU

Ricotta stagionata della Val d’Aveto

DENOMINAZIONE

Il termine Sarazzu o Sarasso, espressione dialettale che indica la ricotta stagionata, nasce da espressioni latine seracium, seracius, seratium, derivanti a loro volta da serum, il siero di latte vaccino ossia il residuo della lavorazione casearia.

dove

In Val d’Aveto

I nostri eventi

PROCESSO

Il Sarazzu è una ricotta salata che viene fatta stagionare per un minimo di otto giorni. La stagionatura permette di poterla consumare anche dopo diversi giorni, circa 60 dalla data di produzione. 

RICETTE

Sfogliatine con cipolle caramellate e Sarazzu

Scopri le altre ricette

CARATTERISTICHE

Sarazzu – Formaggi di Cabannina

origini

Il formaggio dalla cui lavorazione si ottiene il Sarazzu, il San Stè, fu per molto tempo il protagonista delle tavole dei chiavaresi che lo usavano come merce di scambio. Al tempo quasi tutte le famiglie avevano almeno due mucche, perché latte e formaggio erano una delle principali risorse economiche. Infatti ci si turnava nella raccolta del latte e nella lavorazione dei formaggi.

  • Forma cilindrica
  • Diametro di 10-15 cm
  • Peso varia a seconda delle dimensioni
PREPARAZIONE

Il Sarazzu deriva dal siero di latte proveniente dalla lavorazione del formaggio di Santo Stefano detto di San Stè. Il siero viene portato alla temperatura di 85-90° e poi acidificato. Si procede a raccoglierlo e a posizionarlo in delle fuscelle. La fase della salatura avviene a secco.

CONSUMO E CONSERVAZIONE

Il Sarazzu si consuma fresco e leggermente stagionato, non ha crosta e può essere duro o morbido a seconda di quanto è maturato. Deve essere conservato in frigo, può durare 60 giorni dopo la produzione. 

BENEFICI

Come tutte le ricotte anche il Sarazzu ha:

  • un basso apporto di grassi
  • un alto apporto di calcio
  • un’alta digeribilità
  • proteine sono di alta qualità
  • sieroproteine

Formaggi e Latticini

Ricette con Formaggi e Latticini